Avvocato Ambiente Studio Legale Ambientale

Informazione aggiornata sul Diritto Ambientale e dell'Energia.

delitto di omessa bonifica e soggetto attivo

by admin - aprile 19th, 2017.
Filed under: diritto penale ambientale, Principi Generali di Diritto ambientale, Rifiuti e Bonifiche. Tagged as: , , , , , , , .

La problematica individuazione dei soggetti attivi nel delitto di omessa bonifica

Una particolarità dell’art. 452-terdecies è che non presenta alcun riferimento delineato in relazione all’autore dell’inquinamento come soggetto attivo del reato.

Ciò determina l’estensione del campo di applicazione del delitto anche a soggetti diversi dell’inquinatore originario.

Tra questi potenziali autori, possiamo ipotizzare ad esempio i soggetti pubblici, che per legge risultino obbligati ad effettuare un intervento di bonifica o di ripristino ambientale: lo stesso T.U. Ambientale prevede che le procedure e gli interventi di bonifica vengano realizzati in via residuale dal Comune o dalla Regione.

Si tratta di un intervento obbligatorio e non volontario (come confermato dal Consiglio di Stato, Ad. Plen. N. 21/2013 e dalla Corte di Giustizia Europea C-534/13 del 5.3.2015).

Un altro soggetto attivo diverso da colui che inquina potrebbe essere un privato inadempiente di un obbligo contrattuale di bonifica (che potrebbe aver assunto nell’ambito di una convenzione urbanistica).

Chiaramente ci si trova di fronte ad un caso quasi di scuola, ma non per questo si può aprioristicamente escludere.

Così ad essere sanzionato penalmente potrebbe essere un soggetto del tutto estraneo alla commissione dell’inquinamento: una soluzione discutibile, oltre che fortemente sospetta di incostituzionalità.

Infine, è opportuno notare come l’unica forma ammessa per il reato di omessa bonifica sia quella dolosa.

Per questo motivo, esso non si riterrà integrato per mancanza dell’elemento soggettivo, in tutti quei casi in cui la bonifica o il ripristino ambientale non possano essere eseguiti dal soggetto che vi è tenuto, in forza del noto principio di inesigibilità.

Da un punto di vista pratico vorrà dire che, nel caso di più coobbligati alla bonifica, colui che è più a rischio della sanzione penale sarà sempre il soggetto maggiormente solvibile, anche se si trattasse dell’individuo meno colpevole nella causazione dell’inquinamento.

Questi profili giuridici di complessa risoluzione dovranno necessariamente essere affrontati dalla giurisprudenza di merito, di legittimità e verosimilmente anche da quella costituzionale.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.